16
Mar
2015

Gli stadi per Russia 2018

Mancano meno di quattro anni ai prossimi Mondiali e stando alle cifre previste per la costruzione dei nuovi impianti saranno i più costosi di sempre.

Per i Mondiali FIFA del 2018 la Russia ha programmato una serie di costosissimi investimenti che porteranno il movimento calcistico nazionale ad avere delle strutture sportive di cui nessun altro paese europeo potrà disporre. Per il 2018 verranno costruiti dodici stadi (due sono già finiti) in undici città: dall’exclave baltica di Kaliningrad a Yekaterinburg, nella regione degli Urali.
Ma fra progetti modificati e diversi imprevisti è ancora difficile calcolare precisamente quanto verrà speso complessivamente. Possiamo dire con certezza che il costo totale sarà superiore ai tre miliardi di euro.

Proviamo quindi a fare un resoconto della situazione degli impianti russi ad oggi.

 

Lužniki
Mosca
600/650 Mln € - In ristrutturazione

Lo Stadio Lužniki di Mosca è lo stadio più grande e moderno del paese. È stato utilizzato in passato da Spartak e CSKA Mosca, oltre che dalla nazionale russa. Ha ospitato la finale di Champions League nel 2008 e tutti i principali meeting di atletica internazionale.
Nonostante sia stato classificato come stadio a cinque stelle dall’UEFA, il comitato organizzatore di Russia 2018 ha deciso ugualmente di ristrutturarlo. I lavori di demolizione interna sono cominciati nel 2013 e l’inaugurazione è prevista per il 2017. La struttura esterna rimarrà intatta e subirà solo qualche ammodernamento. L’interno invece è gia stato completamente svuotato. La pista di atletica non verrà ricostruita e la capacità dello stadio sarà portata da 78.360 posti a 81.000.
Come successo per altri stadi, i piani iniziali erano diversi. Lo stadio doveva avere una capacità di 91.000 posti a sedere.

 

Zenit Arena
San Pietroburgo
790/900 Mln € - In costruzione

La Zenit Arena sarà lo stadio più costoso mai costruito al mondo. La sua realizzazione è stata e lo è ancora oggi, molto problematica. I progetti sono stati rivisti più volte e di conseguenza i costi sono lievitati fino a sfiorare il miliardo di euro (la storia completa la potete leggere qua).
L’impianto sarà il secondo per importanza dopo il Lužniki e, con 69.501 posti previsti, ospiterà la partita inaugurale e le semifinali. I lavori sono inziati nel 2006, finiranno nel 2016 e sarà uno degli stadi più moderni e attrezzati al mondo.

 

Fisht Olympic Stadium
Sochi
500/600 Mln € (compreso adeguamento) - Adeguamento in corso

Il Fisht Olympic Stadium è stato ultimato nel 2013 per le Olimpiadi invernali di Sochi. Il 15 settembre, il Primo Ministro russo Dmitri Medvedev ha firmato un accordo con una compagnia di costruzione per il rinnovamento dello stadio in vista dei Mondiali. Il tetto dell’impianto verrà rimosso, sarà eliminata la piattaforma centrale per fare spazio al campo da gioco e due magazzini adiacenti verranno demoliti.

 

Baltic Arena
Kaliningrad
305/405 Mln € - In attesa di inizio lavori

Kaliningrad è la principale citta dell’Oblast di Kaliningrad, l’exclave russa che si affaccia sul Mar Baltico e confina con Polonia e Lituania.
La costruzione della Baltic Arena è cominciata da poco, il progetto iniziale è stato sostituito perchè non sarebbe stato possibile completare la costruzione originale in tempo. La sua capienza di 45.000 è stata ridimensionata di 10.000 posti e l’intera struttura è stata semplificata per permettere un avanzamento dei lavori più rapido.
Dopo i Mondiali sarà la casa dell’FC Baltika, squadra che milita nella seconda divisione russa.

 

Rotor Arena
Volgograd
330/450 Mln € - In costruzione

Il progetto della Rotor Arena di Volgograd è stato approvato dal governo lo scorso agosto e i lavori sono iniziati da qualche mese. L’impianto sarà costruito ex novo e avrà una capienza totale di 45.000 posti. I costi, dal 2013, sono lievitati parecchio passando da 239 milioni a circa 400. È ancora presto per stabilire quale saranno i numeri definitivi.
Poche settimane fa, come previsto, sono state trovate delle bombe inesplose risalenti alla Seconda Guerra Mondiale sotto il vecchio impianto. I lavori non hanno subito ritardi.

 

Stadion w Niżnym Nowogrodzie
Nizhny Novgorod
340/500 Mln € - In costruzione

Nei mesi più freddi a Nizhny Novgorod le temperature possono scendere di moltissimi gradi in poco tempo. Per questo motivo lo Stadion w Niżnym Nowogrodzie sarà dotato di un sistema di riscaldamento a gas che coprirà ogni metro della struttura. I dati definitivi dell’impianto non sono ancora disponibili, verrano presentati nei prossimi mesi.

 

Kazan Arena
Kazan
360 Mln € - Terminata

Il nuovo stadio di Kazan è stato il primo a essere inaugurato, in occasione delle Universiadi del 2013. La costruzione è durata tre anni e anche qua il costo finale (360 Mln) è stato maggiore di quello previsto (130). Viene già utilizzato dal Rubin Kazan e ha una capacità di 45.105 posti a sedere.

 

Sinara Arena
Yekaterinburg
305/405 Mln € - In attesa di inizio lavori

Lo stadio di Yekaterinburg, la città ospitante più ad est, è quello che ha subito più modifiche (5). Il primo progetto risale al 2010 e da allora ne sono stati fatti altri quattro, l’ultimo a fine 2014. I punti chiave che hanno reso difficile la progettazione sono le facciate ovest ed est, nella cui area sono presenti due monumenti nazionali. I costi previsti, ancora molto vaghi, oscillano tra i 305 e i 405 milioni di euro.

 

Otkritie Arena
Mosca
270/300 Mln € - Terminata

Il nuovo stadio dello Spartak è il secondo stadio di Mosca scelto per ospitare le partite dei prossimi Mondiali. È stato inaugurato in settembre con l’amichevole tra Spartak e Stella Rossa.
I lavori sono durati quattro anni, dal 2010 al 2014, per un costo totale di 340 milioni. Accanto allo stadio sono stati costruiti otto campi di allenamento e uno stadio secondario più piccolo e coperto pronto per essere utilizzato nei mesi più freddi.

 

Stadion Yubileyniy Saransk
Saransk
350/400 Mln € - In costruzione

Lo stadio di Saransk avrà 40.000 posti che diventeranno 28.000 dopo i Mondiali. Lo spazio lasciato libero dallo smantellamento delle tribune temporanee diventerà la zona commerciale dello stadio.
La costruzione è cominciata nel 2011, finirà l’anno prima dei Mondiali e verrà a costare circa 350 milioni di euro.

 

Stadion Samara
Samara
300/350 Mln € - In costruzione

A luglio è stata posata la prima pietra, l’ultima verra posata nel 2017. Con un costo complessivo di 400 milioni, lo Stadion Samara sarà uno degli stadi più caratteristici di Russia 2018.
È stato deciso di costruirlo fuori città, in una zona ancora quasi totalmente spoglia. L’impianto - sempre secondo i progetti - è stato pensato per diventare il punto centrale di una nuova area urbana. Il Samara sarà caratterizzato da una grande cupola in vetro alta sessanta metri, all’interno della quale troveranno posto 45.000 spettatori.

 

Stadion w Rostowie
Rostov sul Don
? - In costruzione

Lo stadio di Rostov con circa 43.000 dal 2017 sarà la nuova casa del FK Rostów e ospiterà le partite dei gironi. L’ubicazione è stata modificata in fase progettuale e portata appena fuori città, sulla riva destra del Don.

 

Altri stadi

Oltre ai dodici stadi definitivi scelti per ospitare i Mondiali, altre società russe hanno deciso di costruire nuovi impianti. L’FK Krasnodar ha cominciato la costruzione del nuovo stadio nel 2013 e nonostante non sia stato scelto come sede di Russia 2018 i lavori stanno continuando e finiranno nel 2015.
Non sono mai stati in lizza per i Mondiali gli altri due stadi cittadini di Mosca, la VTB Arena della Dinamo e lo Stadion CSKA dei campioni in carica.

 

 

I dati e le immagini degli impianti sono stati tratti da stadiumdb.com

Leggi anche:

La Zenit Arena, dall’alto

Leave a Reply