19
Set
2015

Lo stadio più caratteristico d’Europa, a Rijeka

Costruito da una piccola società di calcio croata, ristrutturato durante il ventennio, ampliato dal regime jugoslavo, ricostruito da un imprenditore ligure. Il Kantrida di Rijeka nei prossimi anni diventerà uno degli stadi più belli d’Europa.

Quando i dirigenti del piccolo club HŠK Victoria Sussak ricavarono due tribune di legno e un campo da gioco in un ex cava situata nel quartiere Kantrida di Rijeka (Borgomarina, durante il periodo italiano), mai avrebbero pensato che quella vecchia cava a picco sull’Adriatico avrebbe ospitato lo stadio più caratteristico d’Europa.

Lo stadio Kantrida fu costruito nel 1912 dai dirigenti del HŠK Victoria Sussak. Fu costruito dentro una cava, adiacente al Mar Adriatico, usata per la costruzione del porto di Rijeka (il Kantrida fu il primo impianto sportivo al mondo ricavato da un area industriale). La Prima Guerra Mondiale e tutto quello che seguì, fecero cambiare proprietà, nazionalità e nome alla città. Nel 1926 nacque la U.S. Fiumana e l’impianto prese il nome di Stadio Comunale del Littorio. L’anno prima un architetto italiano lo rinnovò costruendoci una tribuna centrale coperta, sempre in legno.

rijeka kantrida (11)

La Seconda Guerra Mondiale portò altri importanti cambiamenti. Fiume diventò definitivamente Rijeka, città jugoslava.
Dal 1954 il Kantrida è lo stadio del NK Rijeka e dagli anni ‘60 ad oggi ha subito solo piccoli ritocchi.

 

La svolta per le sorti del Rijeka e del suo stadio è avvenuta nel 2012, quando il petroliere ligure Gabriele Volpi – già proprietario dello Spezio Calcio – rilevò la società salvandola da un probabile fallimento. Nelle ultime stagioni, dopo aver risanato il club e portato la squadra a raggiungere traguardi storici come le due partecipazioni consecutive ai gironi di Europa League, il Rijeka è diventata la seconda squadra del campionato croato e la nuova dirigenza ha avviato una serie di progetti che aumenteranno di molto il valore del club.

 

Il nuovo stadio, progettato dallo studio di Gino Zavanella, l’architetto italiano che ha progettato lo Juventus Stadium, verrà costruito nello stesso punto in cui sorge il vecchio Kantrida, avrà circa 14 mila posti a sedere coperti e rientrerà negli stadi a quattro stelle UEFA. L’investimento sarà di circa venticinque milioni di euro e la costruzione verrà terminata nel 2017. Durante i lavori, il Rijeka giocherà le proprie partite nel nuovo centro sportivo della società.

(le immagini si ingrandiscono con un clic)

kantrida (1) kantrida (2) kantrida (3) kantrida (4)

 

 

 

In copertina: il rendering del progetto del nuovo Kantrida

Leggi anche:

Il nuovo centro sportivo di Rijeka
I nuovi stadi dell’est
  • Pingback: Nogometni, il calcio dell’est – Never Ending Season()