18
Apr
2015

Capitali del calcio: Budapest

Dalla Boemia al delta del Danubio, una serie di guide dedicate alle grandi capitali del calcio dell’area balcanica-danubiana: Praga, Bratislava, Budapest, Zagabria e Belgrado.

Nessun’altra città europea ha subito un crollo così profondo ed irreversibile del proprio movimento calcistico. Negli anni cinquanta e sessanta Budapest era paragonabile alla Londra dei nostri giorni: tante squadre sparse per la città alcune delle quali veramente forti, come Ferencvaros, Ujpest, Honved e MTK. Una media spettatori altissima, degli ottimi stadi e una generazione di fuoriclasse in campo.
Oggi, dopo sessant’anni di nulla, il calcio di Budapest potrebbe tornare ad occupare quello spazio importante che occupava nell’epoca d’oro, almeno per gli ungheresi. Tutti gli stadi cittadini verranno ricostruiti (uno è già pronto) nei prossimi quattro anni grazie ad una serie di riforme - spesso contestate - volute dal Primo Ministro Viktor Orban.

 

Zona nord-est (Budapest 14)
Puskas Ferenc Stadion

Lo stadio più grande di Budapest si trova nel distretto di Zuglò ed è da sempre la casa della nazionale ungherese. Ha anche ospitato per un periodo le partite europee del Debrecen e quelle casalinghe del Ferencvaros.
Il Puskas Ferenc è uno stadio molto vecchio e non cerca di nasconderlo. È stato costruito nel ’48 - allora si chiamava Nepstadion, stadio del popolo - e da allora ha subito solo piccoli restauri e ammodernamenti. Visto dal viale della stazione adiacente ha un aspetto abbastanza inquietante ma rimarrà così ancora per poco. È prevista la sua completa demolizione e la costruzione di un nuovo moderno stadio da quasi settantamila posti. I lavori sono già cominciati e l’opera completa verrà finita entro gli Europei del 2020, nei quali il Puskas Ferenc sarà stadio ospitante.
Lo stadio è facilmente raggiungibile da ogni punto della città con metro e autobus e dà il nome a tutte le fermate dei mezzi pubblici nelle vicinanze.

 

Zona sud-est (Budapest 9)
Ferencvaros

Oggi la vera attrazione calcistica di Budapest è la Groupama Arena, casa del Ferencvaros e provvisoriamente anche della nazionale ungherese. L’impianto è nuovissimo - è stato inaugurato la scorsa estate - ha ventimila posti a sedere e al suo interno si trovano due ristoranti, il museo del club, il negozio ufficiale e la biglietteria. Lo stadio si trova lungo la Üllői út, uno vialone che dal centro città arriva fino in periferia. Oltre la strada, a lato dello stadio, si trovano la stazione degli autobus e la fermata della metropolitana.

 

Zona nord-est (Budapest 14)
MTK Budapest

Lo stadio dedicato ad uno dei giocatori ungheresi più forti di sempre - Nándor Hidegkuti - e casa del MTK sta per essere demolito e verrà ricostruito nel giro di due anni. Oggi rimane poco da vedere ma per i più curiosi si trova giusto a metà strada fra il Puskas Ferenc e la Groupama Arena.
Il vecchio Hidegkuti era famoso per essere stato il set del film “Fuga per la vittoria”.

 

Zona sud-est (Budapest 19)
Budapest Honvéd

A Kispest, distretto popolare a sud di Budapest, si trova il Bozsik Stadion, la casa della Honved. L’impianto, nel dopoguerra, vide crescere i più forti calciatori ungheresi della storia: Ferenc Puskás, József Bozsik, Zoltán Czibor e Sándor Kocsis. La stessa Honved per un breve periodo fu considerata la squadra più forte del mondo.
Oggi lo stadio oltre alle partite della Honved ospita anche provvisoriamente l’MTK.
Il Bozsik è facilmente raggiungibile dal capolinea della metro blu Kobanya-Kispest e dista pochi chilometri dall’aeroporto.

 

Zona nord (Budapest 4)
Újpest

Lo stadio Ferenc Szusza si trova ad Ujpest, distretto all’estremo nord di Budapest e dal centro ci si arriva facilmente con tram e metropolitana in venti minuti.
È lo stadio dell’Ujpest, la seconda squadra più conosciuta di Budapest dopo il Ferencvaros. Una partita al Ferenc Szusa è abbastanza piacevole da vedere: lo stadio è in buone condizione e le tribune sono molto vicine al campo da gioco.

 

Le due squadre minori di Budapest, il Vasas e il Soroksar, giocano in seconda divisione. Lo stadio del Vasas, il Rudolf Illovszky, ha 18.000 mila posti ed è vicino allo stadio dell’Ujpest mentre quello del Soroksar è nel distretto 23, praticamente fuori Budapest.

Per assistere ad una partita del campionato ungherese e per poter comprare un biglietto è necessario - anche per i turisti - registrarsi presso gli sportelli dello stadio in cui si vedrà la gara ed essere in possesso del tessera del club (che vi verrà data a registrazione conclusa) nella quale verrano caricati i biglietti. La tessera si può fare velocemente in qualsiasi giorno a seconda degli orari di apertura delle biglietterie e costa poco più di tre euro.
Come abbiamo detto, tutti gli stadi sono raggiungibili facilmente con i mezzi pubblici e spesso danno il nome alla fermata metro/tram più vicina.

 

Hai qualcosa da aggiungere a questa pagina? Condividilo nei commenti

 

In copertina: il Danubio e il Parlamento ungherese

Leggi anche:

Lo stadio di “Fuga per la vittoria” sta per essere abbattuto
Il derby più pericoloso di cui non avete mai sentito parlare

Leave a Reply