23
gen
2015

Le squadre più seguite

La classifica delle squadre dell’est* più seguite su Facebook e Twitter.

*Nella classifica rientrano solo club cechi, slovacchi, ungheresi, sloveni, croati, serbi, bosniaci, montenegrini, macedoni e bulgari.

Nel 2015 il calcio dell’est resta ancora sconosciuto per molti. Tutto sommato è comprensibile: le squadre dell’est sono piccole realtà di piccole città (con qualche eccezione), non riescono ad ottenere molta visibilità nelle competizioni internazionali e vengono da paesi che hanno poco in comune con noi rispetto agli stati dell’Europa Occidentale. Un buon strumento per avvicinarle alla parte occidentale del continente sono i social network, se usati bene.
La classifica - ordinata in base al successo dei profili Facebook - dei club dell’est più seguiti nei social non considera le squadre polacche e romene, posto l’alto numero di abitanti di Polonia e Romania rispetto a quelli dei paesi citati sopra.

In generale i club dell’est hanno una debole presenza online e restano ancora troppo legati esclusivamente al proprio territorio. Se si escludono i buoni numeri di Stella Rossa e Dinamo Zagabria, che però non hanno profili in lingua inglese e scrivono solo in serbo-croato, il bilancio per le altre squadre non è buono. È vero, il modo più semplice e influente per aumentare la propria popolarità in tutta Europa è giocare la Champions o l’Europa League. Dei 15 club in classifica solo due - il Maribor e il Ludogorets - hanno giocato la fase a gironi della Champions di quest’anno mentre cinque - Dinamo, Partizan, Sparta, Rijeka e Slovan - hanno disputato i gironi di EL.
Inoltre, come abbiamo detto per Stella Rossa e Dinamo Zagabria, quasi tutti i quindici club non hanno profili in lingua inglese nè su Facebook nè su Twitter e scrivono sempre nella loro lingua madre, che risulta totalmente incomprensibile. Di conseguenza il numero di utenti delle pagine social è legato quasi esclusivamente al territorio in cui ha sede ciascun club.

Due delle tre città più grandi rappresentate nella lista, Budapest (Ferencvaros) e Praga (Sparta), hanno una percentuale molto bassa di utenti attivi nonostante siano i più importanti centri urbani della zona balcanica-danubiana.
Si difendono meglio le squadre dell’ex-Jugoslavia: la Stella Rossa ha degli ottimi numeri sia su Facebook sia su Twitter, nonostante da anni non sia più presente nelle competizioni internazionali. Anche Dinamo, Rijeka e Maribor, sulla scia dei buoni risultati europei, hanno aumentato significativamente i propri contatti. Il club più soprendente però è l’Hajduk Spalato, che è riuscito a pescare bene anche all’estero ed ora il numero di utenti di Facebook che seguono la pagina del club supera di gran lunga il numero degli abitanti della zona di Spalato.