5
gen
2015

I Best 11 del 2014

I migliori giocatori dei principali campionati dell’est, man mano che si fermano per la sosta invernale.

Tutti i campionati dell’est fra novembre e dicembre si fermano per una sosta invernale molto lunga per evitare di giocare nei mesi più freddi in cui meno gente assiste alle partite. I campionati riprenderanno poi tra febbraio e marzo.

Da oggi quindi, man mano che si fermeranno, pubblicheremo i Best 11 del 2014 di Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria, Slovenia, Croazia e Serbia.

 

Repubblica Ceca

L’ultimo turno di Synot Liga si è giocato a fine novembre. Finora sono in posizione favorevole per giocarsi il titolo tre squadre, in ordine: Viktoria Plzeň, Sparta Praga e Jablonec.
Le prime due sono favorite per la vittoria finale mentre lo Jablonec non sembra avere le forze per competere fino alla fine.
In fondo alla classifica è sorprendente il penultimo posto dello Slovan Liberec, che meno di un anno fa aveva fatto vedere grandi cose sia in campionato sia in Europa League.

La formazione migliore è costituita per dieci undicesimi da giocatori di Viktoria Plzeň e Sparta Praga, le due squadre che negli ultimi anni hanno rappresentato al meglio la grande tradizione del calcio ceco in Europa.

Best-11-Rep

Miglior squadra: Sparta Praga
Nonostante sia secondo in classifica dietro il Viktoria Plzen, negli ultimi mesi lo Sparta ha confermato i grandi progressi delle ultime due stagioni. In Europa League, nonostante l’eliminazione, ha dimostrato di essere una squadra ben organizzata in grado di giocarsela anche con avversari sulla carta più forti. Inoltre può contare su ottimi giocatori con notevoli margini di crescita.

Miglior giocatore: Pavel Kadeřábek
Il terzino destro migliore del campionato. Ottimo sia in fase difensiva sia in sostegno, Kadeřábek ha ventidue anni ed è cresciuto nello Sparta Praga, in cui gioca ancora adesso.
Fisicamente è completo: veloce e resistente. Per ora nessun gol ma sei assist dall’inizio della stagione.

Pronostici:
1°:
Viktoria Plzeň
2°-4°:
Sparta Praga, Mlada Boleslav, Jablonec
15°-16°:
Hradec Králové, Brno

 

Ungheria

La Otp Bank Liga ungherese riprenderà a fine febbraio dalla diciottesima giornata. Il Videoton, già campione nel 2011 e una delle poche squadre ungheresi con una solida struttura societaria ed economica, è primo in classifica a 44 punti seguito dall’MTK a otto punti di distanza. Tre squadre in tre punti dal terzo al quarto posto: DVTK, Ferencvaros e Debrecen, protagonista di una grande rimonta dalla metà bassa della classifica.

Nei Best 11 sono pochi i nomi conosciuti. Gli unici giocatori con una buona carriera internazionale sono i due esperti centrali Adam Vass e Zoltan Gera e il difensore spagnolo ex Real Madrid David Mateos.

Best-11-Ungh

Miglior squadra: Videoton
La squadra migliore è il Videoton, per quello che ha fatto e per quello che sta facendo. In un anonimo campionato la squadra di Székesfehérvár è l’unica che negli anni è riuscita a farsi notare in Europa. Non vince il titolo da tre anni ma è sempre riuscita a rimanere vicina al vertice della classifica. Ha una buona squadra con un buon numero di giocatori stranieri di qualità, soprattutto spagnoli e brasiliani.

Miglior giocatore: Nemanja Nikolić
Nemanja Nikolić è stata l’arma in più del Videton in questa metà di stagione. Una punta da sedici gol in sedici presenze non si vedeva da tempo in Ungheria ed è quello che mancava (tra tante altre cose) alla nazionale magiara. Nikolić ha origini serbe ma è cresciuto in Ungheria dove ha anche iniziato la sua carriera da professionista.

Pronostici:
1°: Videoton
2°-4°: MTK, Debrecen, Ferencvaros
15°-16°: Pecsi, Szombathely

 

Slovenia

La Prva Liga ha giocato il ventesimo turno, l’ultimo prima della sosta invernale, a fine novembre. Fino ad ottobre si pensava potesse essere una stagione particolare: il Maribor ha perso parecchi punti per strada a causa della partecipazione alla Champions League e ha lasciato spazio – per una decina di giornate – alla fuga del Domzale, che però non è il Maribor e non è riuscito a guadagnare molti punti di vantaggio. A dicembre la situazione è questa: Domzale 44 Maribor 41 Celje 40 Olimpia Lubiana 35. In coda alla classifica sorprende la situazione del ND Gorica, che segue l’andamento della società madre, il Parma, ed ora ha 18 punti ed è terzultima.

Nonostante la classifica, il Maribor è di gran lunga la squadra più forte del campionato sloveno. Di conseguenza la formazione migliore è costruita sulla base giallo-viola.

Best-11-Slo

Miglior squadra: Maribor
Come abbiamo detto, non c’è storia. Il Maribor del 2014 è la squadra slovena più forte di sempre. Negli anni la società ha costruito un club modello: ha un ottimo vivaio, un sistema di gioco che riesce a nascondere parzialmente le carenze tecniche della squadra anche in Europa, un ottimo allenatore e dei dirigenti competenti.
Nonostante questo anche il Maribor è partito praticamente da zero. Alcune squadre, come il Domzale e l’Olimpia Lubiana, hanno le capacità e le strutture per diventare delle realtà interessanti.

Miglior giocatore: Petar Stojanović

È il miglior talento sloveno in circolazione ed è il simbolo della politica societaria del Maribor. Stojanović è un esterno destro in grado di ricoprire ogni ruolo nella proprio fascia. Ha 19 anni e soprattutto quest’anno, in Champions, ha mostrato delle doti impressionati. Non ha dei veri punti deboli: ottimo sia in fase difensiva sia in fase offensiva, buon piede e ottime doti fisiche.

Pronostici:
1°: Maribor
2°-4°: Domzale, Celje, Olimpia Lubiana
9°-10°: Krka, Radomlje

 

Polonia

L’Ekstraklasa è il campionato dell’Est Europa più aperto e combattuto. In testa alla classifica ci sono cinque squadre in sei punti, in ordine: Legia Varsavia, Śląsk Wrocław, Lech Poznań, Wisla Cracovia e Jagiellonia. È anche uno dei campionati in cui si sta investendo di più e quasi tutte le squadre di prima divisione giocano le proprie partite casalinghe in stadi nuovi costruiti solo da qualche anno. Il processo di rinnovamento è cominciato per gli europei del 2012, non si è fermato lì e oggi sta continuando.
Se le cose dovessero andare avanti così, il campionato polacco potrebbe diventare uno dei punti di riferimento per il calcio dell’est.

La formazione migliore della prima parte di stagione è costruita sulla base del Legia Varsavia, rafforzata nei punti deboli dai migliori giocatori di Slask, Wisla e Lech Poznan.

Best-11-Polonia

Miglior squadra: Legia Varsavia
Senza dubbio la squadra più forte di Polonia negli ultimi anni. Oltre al dominio in patria, quest’anno sono arrivati i primi risultati importanti in Europa. Se la probabile qualificazione ai gironi di Champions è svanita per una sciocchezza, nella prima fase di Europa League il Legia Varsavia ha fornito delle prestazione stupefacenti.
Il club di Varsavia ha inoltre cresciuto nel proprio vivaio un numero importante di giovani talenti che ora giocano stabilmente in prima squadra.

Miglior giocatore: Michał Żyro
Zyro è il giovane polacco più promettente in circolazione. È un ala sinistra in grado di giocare su entrambe le fasce. In questa stagione ha già segnato sette gol e fornito sette assist in 24 presenze. È l’arma in più del Legia, che però probabilmente lo venderà nella sessione invernale.

Pronostici:
1°: Legia Varsavia
2°-4°: Lech, Slask, Wisla
15°-16°: Ruch, Zawisza

 

Serbia

Il 2014 non è stato un anno entusiasmante per il campionato serbo, privato dei propri talenti prima del solito e con troppe squadre mediocri che giocano in strutture vecchie e fatiscenti.
Di giovani interessanti ce ne sono eccome ma sono tutti ancora troppo giovani e poco maturi. E alcuni di loro sembrano essersi sgonfiati, tra infortuni e prestazioni sottotono.
In Europa è andata male: la Stella Rossa è stata squalificata da ogni competizione continentale per aver infranto alcune regole del Fair Play finanziario, il Partizan è stato eliminato ai gironi dopo una serie di brutte prestazioni e le altre squadre non hanno nemmeno passato i primi turni preliminari di luglio.
Per quanto riguarda la classifica, il Partizan è già a +6 sulla Stella Rossa e +9 sul Vojvodina. Un campionato senza sorprese nè speranze.

La formazione dei Best 11 ha un colonna portante robusta formata dagli esperti Stankovic, Drinčić, Babović, Škuletić e Lazović. I due giovani più promettenti sono Predrag Rajković, portiere della Stella Rossa, e Andrija Živković del Partizan.

Best-11-Srbja

Miglior squadra: Partizan Belgrado
Lo è stata anche l’anno scorso, anche se il titolo lo ha vinto la Stella Rossa. Il Partizan è la squadra più forte, organizzata e ricca del paese. Cresce un numero enorme di talenti ogni anno, anche se vengono venduti all’estero ogni anno sempre prima.
Nonostante il dominio in patria, non sembra esserci il modo per migliorare le scarse prestazioni europee.

Miglior giocatore: Danko Lazović
Quando i giovani mancano è la vecchia guardia che prende il controllo della situazione. È così per il Partizan e per i suoi due giocatori più in forma: Petar Škuletić e Danko Lazović.
Lazović, il migliore dei due, è tornato lo scorso anno in Serbia dopo un’ottima carriera in giro per l’Europa. È l’unico giocatore serbo che gioca nel campionato di casa ad essere stabilmente in nazionale.

Pronostici:
1°: Partizan Belgrado
2°-4°: Stella Rossa, Vojvodina, Čukarički
15°-16°: Radnički, Borac

 

Croazia

La MAXTV prva liga croata ripartirà a febbraio nel modo in cui riparte da nove anni: con la Dinamo Zagabria lanciata verso il titolo.
Quest’anno però, dopo le difficoltà nelle ultime stagioni dell’Hajduk Spalato, il Rijeka sembra essere finalmente in grado di inseguire – da una distanza moderata – la Dinamo fino alla fine. La squadra della vecchia Fiume ha giocato un’ottima Europa League anche contro avversari nettamente più forti come Siviglia e Feyenoord. Se non accadrà in questa stagione, il prossimo anno ci sono ottime probabilità che il Rijeka lotti per il titolo fino all’ultima giornata.
Più in basso l’Hajduk si sta lentamente riprendendo ed è terzo in classifica a dieci punti dal Rijeka.
Il 2014 è stato l’anno dell’esplosione di Andrej Kramarić e Marcelo Brozović, i due migliori talenti della prima divisione nazionale. Un’altra coppia interessante è quella formata dai due giovani centrali del Rijeka Marko Lešković e Matej Mitrović.

Best-11-Cro

Miglior squadra: Dinamo Zagabria
Prima o poi arriverà seconda e non vincerà il titolo. Fino ad ora però la differenza con tutte le altre squadre è netta. La Dinamo Zagabria negli ultimi dieci anni ha cannibalizzato il campionato croato, rendendolo uno dei meno competitivi d’Europa e vincendo praticamente tutto, ogni anno.
Una menzione speciale tuttavia va al Rijeka, che sta costruendo un società forte ed organizzata e dai soldi ricavati dalla vendita di alcuni suoi giocatori può pianficare un futuro vincente.

Miglior giocatore: Andrej Kramarić
È fuggito dalla Dinamo per colpa di Zdravko Mamic e farà la fortuna dei rivali del Rijeka. Nel 2014 Kramaric è definitivamente esploso in patria. Solo in questa stagione ha segnato 28 gol in 30 partite ufficiali e sembra pronto per un campionato importante.

Pronostici:
1°: Dinamo Zagabria
2°-4°: Rijeka, Hajduk, Lokomotiva
15°-16°: Zadar, Istra

Leggi anche:

I giocatori del 2015
Kramaric e Mamic